L'hai richiesta per poter effettuare acquisti in comodità e sicurezza, ma ora ti stai chiedendo: come si ricarica una carta prepagata? Tranquillo, non è difficile e le possibilità sono davvero tante. Dal sito della banca alla filiale, dagli sportelli automatici più evoluti ai tabaccai aderenti al circuito SisalPay: non avrai che da scegliere la modalità per te più comoda.

Tranne pochissime eccezioni, ricaricare una carta prepagata comporta però delle commissioni che oscillano tra 1 e 3 euro, a seconda della banca e del canale di ricarica selezionato. Vediamo quindi nel dettaglio le varie opzioni che hai a disposizione e a quanto ammontano le commissioni per ciascuna di esse.

Come si ricarica una carta prepagata?

Vi sono diverse possibilità per caricare soldi sulla tua carta prepagata. La soluzione più comoda è senza dubbio online, dal momento che moltissime banche permettono di effettuare questa operazione via web grazie ai servizi di home banking.

Se però preferisci ricaricarla in contanti sappi che puoi farlo agli sportelli bancari o presso i tabaccai aderenti al circuito SisalPay. Solo in alcuni casi, ancora, è possibile farlo agli sportelli atm, semplicemente utilizzando il proprio bancomat.

Infine, se sei titolare di una carta Postepay sappi che puoi ricaricare la tua tessera anche presso gli uffici postali o attraverso i Postamat automatici.

DA LEGGERE: Carte prepagate senza conto corrente: quali sono le migliori?

Ricaricare la carta prepagata con contanti

Esistono diversi modi per ricaricare la tua carta prepagata in contanti. Puoi recarti ad esempio presso la filiale della banca che l'ha emessa, facendo la fila agli sportelli e comunicando il numero della tua tessera. In questo caso si applica una commissione che si aggira intorno ai 2-3 euro, a seconda dell'istituto di credito.

Alcune banche permettono inoltre di ricaricare la prepagata dal tabaccaio, appoggiandosi al circuito SisalPay. In particolare questa possibilità esiste per le tessere BPER, CartaSi, CompassPay, FindomesticPay, ICBPI, QUI Card-Pluton, Postepay, SOLDO e Vodafone Smart Pass.

Per effettuare l'operazione ti basterà fornire al ricevitore del Punto SisalPay più vicino un tuo documento di identità e il tesserino sanitario col codice fiscale (se non sei tu il titolare della carta dovrai fornire anche il codice fiscale dell'intestatario). A questo punto dovrai comunicare il codice di 16 cifre identificativo della prepagata che vuoi ricaricare, nonché versare l'importo che desideri accreditarvi. Per questa operazione è prevista una commissione che oscilla tra i 2 e i 3 euro, a seconda del tipo di carta.

Come ricaricare la carta prepagata online?

Se la prepagata è associata a un conto corrente online, potrai ricaricarla via web grazie ai servizi di home banking, direttamente accedendo alla tua area personale sul sito dell'istituto di credito. Anche in questo caso può essere prevista una commissione che oscilla tra 1 e 2 euro, ma alcune banche online sono solite offrire un certo numero di ricariche gratuite all'anno.

Ricaricare la prepagata con bancomat

Alcune banche permettono inoltre di ricaricare la prepagata presso gli sportelli automatici atm più evoluti. Ti basterà infatti inserire il tuo bancomat e selezionare la voce Ricariche > Prepagate, selezionare l'importo desiderato ed infine inserire il codice identificativo della ricaricabile. In questo caso la commissione si aggira intorno a 1-2 euro, sempre a discrezione della banca che l'ha emessa.

Ecco quindi come si ricarica una carta prepagata: come hai potuto constatare tu stesso ci sono moltissime opzioni, tra le quali potrai scegliere quella per te più comoda per iniziare subito a fare acquisti online e offline con la tua ricaricabile.