Negli Stati Uniti, paese tecnologicamente all'avanguardia, patria di società finanziarie come American Express, o di colossi bancari come la Bank of America, sembra impensabile che le carte di credito fossero tra le meno sicure del mondo. Fino a pochi giorni fa, infatti, le carte di credito USA avevano come unico dispositivo di sicurezza la banda magnetica, a differenza di quasi tutto il resto del mondo dove al dispositivo magnetico viene da tempo affiancato il chip che rende le carte di credito più difficili da clonare.

Perché le carte di credito USA non avevano il chip?

Il motivo del ritardo sull'avanzamento tecnologico del mondo delle carte di credito USA è molto semplice e, in un certo senso, anche banale: i commercianti si rifiutavano di fornirsi di moderni dispositivi adatti ad accettare le nuove carte; tutto questo per non pagare personalmente l'innovamento tecnologico. A rompere gli indugi ci hanno pensato Visa e Mastercard che non rimborseranno più i consumatori per le frodi che avvengono nelle attività che non dispongono dei nuovi PoS: anzi, saranno gli stessi titolari degli esercizi a esserne responsabili.

DA LEGGERE: Carte di credito clonate: cosa fare in questi casi?

Come funziona il nuovo sistema per le carte di credito USA?

Il nuovo sistema informatico, pur essendo leggermente più lento del precedente che dipendeva solo dalla banda magnetica, sembra essere sicuramente più sicuro. I consumatori dovranno inserire la loro carta nel PoS e apporre la propria firma sul touch screen, proprio come si faceva una volta in Europa e Asia. Gli Stati Uniti non hanno optato per il Pin nelle loro carte per evitare disagi alle persone con problemi di memoria: la firma, infatti, pur essendo meno sicura, è difficilmente dimenticabile.

Nuove carte di credito USA: non mancano i problemi (nei primi tempi)

Come ogni novità, anche quella delle nuove carte di credito USA, porterà dei problemi di adattamento iniziali: secondo il sito CreditCards.com soltanto il 40% della popolazione americana è in possesso delle nuove carte di credito, perché le banche stanno ancora provvedendo a sostituire le vecchie tessere di tutti i loro clienti. Per quanto riguarda i negozianti, invece, secondo Mastercard solo un quarto si è adeguato alla nuova tecnologia e, per l'adeguamento totale, si potrebbe aspettare fino al 2017.

Il parere dell'esperto sulle nuove carte di credito USA

L'adeguamento delle carte di credito agli standard mondiali, dopo anni di barricate da parte dei commercianti, sembra essere obbligatorio. Matt Schulz, del sito CreditCards.com, in merito all'introduzione delle nuove carte di credito USA ha dichiarato: "Chi non ne fa uso si assume la responsabilità in caso di frode e questa è una grande differenza, perché in passato erano responsabili solo gli istituti bancari. Per i commercianti è strettamente necessario passare al chip".
Negozianti avvertiti: sicuramente il costo del nuovo PoS molto più abbordabile di quello di un rimborso per frode.