I pagamenti con le carte di credito rappresentano una soluzione sempre più diffusa e apprezzata dagli italiani. Superata l'ostilità iniziale, le carte di credito sono ormai diventate uno strumento indispensabile per fare i propri acquisti e anche per pagare degli importi relativamente contenuti. Una tendenza emersa anche dall'ultimo studio condotto da Assofin, Crif e Gfk che evidenzia nel 2014 una crescita dei pagamenti in contanti pari al +6.5%, facendo segnare un ulteriore avanzamento rispetto al +5.4% rilevato nel 2013.

Grazie ad un dispositivo per il riconoscimento dei dati identificativi del titolare e dell'istituto bancario o finanziario emittente, i pagamenti con carte di credito garantiscono ormai un elevato livello di sicurezza. Anche in questo caso l'offerta del mercato è molto varia e diversificata e per questo motivo suggeriamo sempre di valutare preventivamente i costi e le condizioni offerte. Infatti la presenza di vari circuiti di pagamento, come ad esempio MasterCard o Visa, implica diverse opportunità e formule di utilizzo.

Da leggere: Carte di credito anonime: cosa sono e come funzionano

Pagamenti con carte di credito in aumento del 3.7%

Secondo i dati diffusi dall'Osservatorio sulle carte di credito di Assofin, Crif e Gfk, i pagamenti con le carte di credito avrebbero registrato una forte crescita soprattutto nel corso dell'ultimo anno. Una tendenza confermata dalla crescita del +3.7% del numero di transazioni. Gli italiani dunque sembrano aver maturato una maggiore fiducia verso le carte elettroniche con le quali effettuano anche pagamenti dagli importi decisamente più contenuti.

Lo studio rivela infatti un lieve calo dell'importo medio, pari al -3%, con degli importi passati dai 1.911 euro del 2013 ai 1.860 euro del 2014. Nonostante l'aumento del numero di pagamenti con carte di credito, circa il +9.6%, lo studio evidenzia un calo delle richieste di nuove carte di credito, circa 3.4% in meno rispetto al 2014. Ciò vuol dire che coloro che già possedevano una di questa carte hanno incrementato il loro uso, mentre chi ne era sprovvisto non ha sentito il bisogno di richiederne una nuova.

Carte elettroniche: un vero boom tra i giovani

Le carte elettroniche sembrano però conquistare nuovi target di clienti, soprattutto quelli più giovani. I dati diffusi dall'Osservatorio rilevano infatti una forte crescita delle carte prepagate soprattutto tra i clienti più giovani. Infatti il 2014 ha registrato un vero record per l'emissione di carte prepagate, con una crescita del +13.9%. Anche in questo caso la logica non cambia, perché se da un lato aumentano le transazioni, ben il +19.4%, dall'altro calano gli importi, che anche in questo caso viaggiano su valori medi di 46 euro.

Ad apprezzare maggiormente le carte prepagate sono senza dubbio i giovani, di età compresa tra i 18 e i 34 anni, mentre per i loro genitori continuano ad apprezzare e utilizzare le carte di credito "tradizionali", perché dotati di una maggiore stabilità finanziaria e potere di acquisto. Le carte prepagate sono quindi considerate una valida soluzione per responsabilizzare i ragazzi nella gestione del denaro anche se il loro uso è molto diffuso anche tra gli adulti, che le usano soprattutto per pagare i loro acquisti online.