SuperMoney
0236571853

Da rete fissa
800 032424

Da rete mobile
0236571853

Lun-Ven • 9-13/15-19

Carte di credito sempre più utilizzate in Italia e in Europa

-

Le carte di credito sono sempre più utilizzate, tuttavia la media europea è del 40%, quella italiana solo del 13%

Guarda le immagini

Cresce l'utilizzo delle carte di credito Cresce l'utilizzo delle carte di credito

Le carte di credito sono un mezzo di pagamento sempre più sfruttato. Esse permettono infatti a chi, dopo essersi informato sulle carte di credito delle diverse banche per trovare la più adatta alle proprie esigenze, ne ha attivata una di andare a far la spesa o al ristorante senza la preoccupazioni di avere in tasca il contante necessario. Non stupisce quindi che i pagamenti digitali siano in crescita nel nostro paese e, più in generale, in tutto il continente.

Nuovi tetti alle commissioni

Recentemente l’Unione Europea ha disposto nuovi tetti per le commissioni sulle carte. Tale limite è stato fissato allo 0,3% del valore della transazione. In pratica per chi, dopo aver messo le carte di credito Visa a confronto con quelle di American Express, Mastercard e degli altri operatori per trovare la più conveniente, su una transazione di 100 euro, la commissione sarà di 9 centesimi di euro. Per quanto concerne invece la commissione sui bancomat, a soglia è ridotta allo 0,2%. In tal modo l’Ue spera di abbassare il costo dei beni e dei servizi che sono oggetto di acquisto dei cittadini europei.

Si stima che i nuovi tetti consentiranno il risparmio di 730 milioni di euro l’anno per i consumatori e ben 6 miliardi di euro annui per i commercianti. Tale provvedimento è volto a migliorare un sistema di pagamento sempre più utilizzato: nel 2013 i pagamenti digitali hanno superato i 100 miliardi di euro, con un incremento del 6% rispetto al 2012. A livello europeo la media dei pagamenti effettuati senza contante rappresenta il 40% delle transazioni totali. Questo però non vale per tutti i Paesi.

Italia poco incline all’uso delle carte di credito

Analizzando i dati rilasciati dall’Associazione Bancaria Italiana (Abi), emerge infatti che nel nostro Paese i pagamenti elettronici rappresentano il 13% del totale, in netto calo rispetto alla media europea. La Bce invece rende noto che i pagamenti digitali pro capite sono stati 75, con 9 operazioni per abitante in più rispetto al 2009. Restringendo il campo alle carte si nota come le operazioni siano solo 30, quasi in linea con le 26 del 2011 e nettamente meno della media europea, pari a 86. Solo la Grecia ha fatto peggio di noi, con 17 operazioni pro capite.

A poco è servita quindi l’introduzione avvenuta nel 2011 del più basso limite all’utilizzo del contate in Europa (999,99 euro). Basti pensare che 15 milioni di italiani al momento non possiedono un conto corrente, secondo quanto riferisce la Cgia di Mestre. Questa porzione di italiani preferisce il contante alle forme di pagamento tracciabile. 

TAG pagamento carta di credito

Cosa ne pensi? Aggiungi un tuo commento


Vuoi rimanere sempre aggiornato?