L'e-commerce rappresenta ormai una tipologia di mercato molto ampia e diversificata, in grado di soddisfare tutte le richieste dei consumatori, offrendo il grande vantaggio di garantire un'ampia prospettiva di risparmio. Strumento di pagamento privilegiato sono le carte di credito, che anche in Italia cominciano ad essere usate con maggiore frequenze, superando finalmente tutte le perplessità di coloro che le consideravano troppo costose o poco sicure. Chi fosse interessato a richiederne una potrà mettere le carte di credito proposte dalle banche e dai vari istituti di credito a confronto e cercare così la formula più adatta alle proprie abitudini di consumo.

Grazie al progressivo miglioramento delle procedure di sicurezza che accompagnano ogni singola transazione e alla presenza di varie opzioni sul mercato, sia le imprese che i singoli risparmiatori possono trovare la risposta alle proprie richieste. Per avere qualche esempio basta ad esempio informarsi su MasterCard o su Visa e gli altri operatori del settore e valutare quanto sia ampio e diversificato il ventaglio di servizi e dei beni offerti.

L'e-commerce: un mercato che resiste alla crisi

Il commercio elettronico sembra essere la giusta soluzione per tutti coloro che nonostante la crisi non rinunciano allo shopping. Tra i settori che sembrano resistere alle restrizioni imposte dalla crisi domina quello per la "cura alla persona". Il benessere e la cura del proprio stato psico-fisico sembrano essere la vera priorità di molti italiani, sia donne che uomini, che trovano nel grande mercato online tutte le risposte alle loro più disparate richieste.

Lo sviluppo massiccio del web ha in realtà generato delle conseguenze negative sui mercati considerati "tradizionali", nei quali è stata registrata una lieve contrazioni dei consumi, con valori del -1,9%. In questo caso il calo dei consumi dei beni per la cura della persona hanno seguito il trend registrato anche nel comparto alimentare.

Secondo i dati diffusi dall'Iri, l'Istituto per la Ricostruzione Industriale, relativi all'andamento dei consumi del 2014, il forte arresto sarebbe stato causato principalmente dal calo del potere di acquisto degli italiani. Tra gli altri fattori, rientrerebbe anche il progressivo invecchiamento della popolazione. Un fattore che spiegherebbe ad esempio la crescita del mercato dei pannolini per adulti, con +1.5 milioni di pezzi venduti.

Lipstick Index: una regola ancora valida

Secondo una nota casa cosmetica francese è proprio in tempo di crisi che le donne (ma possiamo aggiungere anche gli uomini) si prendono maggiore cura del proprio aspetto. Non possedendo delle risorse tali da poter investire in spese folli, si cerca di soddisfare la propria "esigenza di benessere" attraverso l'acquisto di selezionati prodotti, scelti con cura, che possano però garantire un forte impatto, come accade per un rossetto.

Per esemplificare, se una donna non potrà acquistare un accessorio da 500 euro, potrà però puntare sull'acquisto di uno smalto o di un accessorio di buon livello. Se il discorso viene applicato alle varietà di offerte provenienti dal mercato online, allora si comprende quanto sia facile trovare delle proposte particolarmente vantaggiose adatte alle proprie esigenze senza investire delle grandi risorse. Se alla varietà dell'offerta si aggiunge la comodità di poter fare gli acquisti stando comodamente a casa, allora è facile capire come mai questo mercato conquisti ogni giorno un pubblico sempre più numeroso di seguaci.