Le carte di credito sono lo strumento perfetto per viaggiare. Più agevoli dei contanti e dotate di maggiori standard di sicurezza, seguono i turisti di tutto il mondo in qualunque viaggio. Dalla fase di prenotazione del biglietto di partenza fino all’acquisto del souvenir all’ultimo minuto. Le carte di credito sono diventate lo strumento indispensabile per compiere pagamenti all’estero. Per chi fosse interessato a richiederne una, sarebbe opportuno mettere le carte di credito presenti sul mercato a confronto e valutare le possibilità di utilizzo anche nel mercato estero.

Ogni banca propone le sue carte elettroniche, per sollevarsi da ogni dubbio e perplessità i clienti possono ad esempio informarsi su Visa, sulla Carta Revolving e le altre opportunità, scegliendo la formula più adatta alle proprie esigenze e verificando l’utilizzo all’estero.

Comode e sicure

Prima della partenza, c’è sempre un dubbio che assale i viaggiatori: quali strumenti adottare per i pagamenti oltre al classico contante? Se la risposta è le carte di credito, il primo passo da compiere è informarsi se sono abilitate ai pagamenti presso i pos dei negozi e degli sportelli automatici di prelievo all’estero e se rientrano nel circuito Cirrus/Maestro. Si tratta di un circuito molto diffuso in Europa ma meno negli Stati Uniti, Marocco e Tunisia.

Cosa fare in caso di smarrimento

Comode, semplici e dotate di elevati standard di sicurezza, le carte di credito offrono il grande vantaggio di essere bloccate anche nei casi di furto o smarrimento. Oltre a sporgere denuncia, la prima cosa da fare in questi casi è contattare la banca o la società emittente e chiedere il blocco. Quindi sarebbe opportuno portare con sé tutti i riferimenti necessari. Infatti nei casi del genere, la responsabilità del titolare si limita ad un massimo di 150 euro fino al momento del blocco della carta. Da quel momento nessuna spesa può essere addebitata.

Attenzione al valore del cambio

Un aspetto importante da tenere a mente per all’utilizzo della moneta elettronica all’estero è il valore del cambio applicato alle valute diverse dall’euro. L’importo viene calcolato in base al valore del cambio registrato nel giorno in cui viene fatto l’acquisto. Una possibilità nei casi di cambio tra euro e dollaro oppure tra euro e sterlina.

In questi casi, sarebbe opportuno controllare l’importo che viene digitato al momento dell’acquisto e conservare le varie ricevute. Per chi decide di portare con sé anche del denaro contante, la cosa migliore è effettuare il cambio prima di partire, meglio se nelle banche o presso gli uffici postali. Il posto meno indicato resta l’albergo. Per le località in cui vengono accettati anche gli euro, meglio puntare sulla moneta locale. Spesso i commercianti tendono ad applicare un cambio più vantaggioso per loro.