Quando si devono fare acquisti online ci sono due opzioni: si può pagare con la carta di credito, oppure si può aspettare di ricevere la merce in consegna, e pagare solo nel momento in cui la si riceve. Perché non tutti hanno una carta per poter fare anche acquisti online. Pensiamo ad esempio ai più giovani, che smanettano con i computer senza problemi, ma per fare un acquisto online nella maggior parte dei casi devono chiedere l’aiuto dei genitori. Già che si sta facendo un acquisto online, però, la comodità di pagare subito non ce la toglie nessuno. Se non si possiede un supporto elettronico, ci si può informare su CartaSi, MasterCard, American Express, e sui migliori circuiti di pagamento esistenti.

Se invece si preferiscono le prepagate, ci si può informare sulla paypal prepagata come metodo alternativo di pagamento. Altrimenti, visto che da marzo 2015 per pagare i propri acquisti online si potrà usare anche il bancomat, oltre alla carta di credito, quando si farà shopping sul web si potrà pagare con quello. La decisione è stata presa da Sergio Moggia, il direttore generale del Consorzio Bancomat, il quale ha deciso di venire incontro agli italiani che usano il web per fare le proprie spese.

E’ stato rilevato infatti che la percentuale di persone che sceglie l’etere per fare shopping è arrivata fino al 34%, mentre sono comunque aumentati anche i pagamenti effettuati con moneta elettronica: nel corso di due anni l’uso di carte e bancomat è aumentato dell’8%. La scelta di poter pagare con il bancomat anche sul web, dopo la delibera del Consorzio Bancomat, sarà dei singoli istituti di credito che, a loro discrezione, potranno decidere se abilitare o meno il servizio.

In caso positivo, il cliente della banca dovrà recarsi presso lo sportello, dove il servizio verrà attivato per il suo bancomat. Ma come funziona questo nuovo metodo di pagamento? E’ piuttosto semplice: quando arriveremo alla conclusione del nostro acquisto, la pagina del pagamento ci inoltrerà sul sito della nostra banca, dove ci verrà chiesto di inserire dei dati per confermare la transazione e allora, senza inserire alcun pin o password, si potrà portare a termine la procedura.

Sergio Moggia ci ha tenuto a sottolineare che questa innovazione non vuole in alcun modo ostacolare l’utilizzo delle carte di credito o porsi come diretto concorrente, ma è solo un modo per offrire ai consumatori un metodo di pagamento comodo e alternativo.