Acquistare al costo di 60 euro una carta di credito prepagata che funziona come una social card. Una carta acquisti con 300 euro di credito residuo da spendere presso i più importanti centri commerciali. E' iniziato così, con una truffa, il nuovo anno per quel che riguarda la social card.

La denuncia in merito arriva dalla Federconsumatori nel precisare che per la truffa è stato sfruttato in alcuni casi non solo il nome dell'Associazione e quello di Carrefour, ma anche il logo del MiSE, il Ministero dello Sviluppo Economico.

La truffa, riferisce altresì la Federconsumatori, corre in genere via smartphone. Arriva infatti sul cellulare un messaggio con un link da dove è possibile sottoscrivere la falsa social card al costo di 60 euro. Il raggiro peraltro continua da tempo, nonostante le formali denunce presentate, in quanto viene chiuso un sito Internet e ne viene riaperto un altro.

Di conseguenza la Federconsumatori invita a fare attenzione su queste offerte truffa via cellulare, ma lo stesso dicasi anche con altri mezzi come la posta elettronica. Pure inviando solo i propri dati personali a questi malintenzionati, infatti, il rischio è che poi questi vengano utilizzati in maniera impropria.

La Federconsumatori ha inoltre fatto presente con una nota, informando così i cittadini, che l'Associazione non ha mai promosso, e mai promuoverà, iniziative simili in qualche modo legate, correlate e/o collegate ad aziende, grandi catene commerciali e brand di supermercati.