A che punto siamo con l'obbligo di tenuta del Pos da parte dei professionisti e degli esercenti per permettere ai clienti di pagare, oltre che con i contanti, anche con il Bancomat, le prepagate e le carte di credito?

Ebbene, innanzitutto c'è da dire che il testo del Decreto è uno solo, e che questo per un parere è stato già inviato al Mef, il Ministero dell'Economia e delle Finanze, ed alla Banca d'Italia. A darne notizia è il MiSE, Ministero dello Sviluppo Economico, nel ricordare in particolare che l'obbligo di accettare le carte per i pagamenti scatta per tutte quelle transazioni che superano per importo la soglia dei 30 euro.

E comunque fino alla data del 30 giugno del 2014 il rispetto dell'obbligo è fissato per quelle attività professionali e commerciali che, con riferimento l'anno precedente, hanno ottenuto un fatturato sopra la soglia dei 200 mila euro.

Per quel che riguarda l'attuazione completa del testo del decreto, il Ministero dello Sviluppo Economico ha fatto altresì presente come i tempi saranno molto rapidi. Nel dettaglio, l'entrata in vigore è infatti prevista dopo sessanta giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale.

Dopodiché, entro altri 90 giorni dovrà essere messo a punto un ulteriore Decreto per poter definire l'obbligo di tenuta del Pos per i pagamenti con la moneta elettronica anche per quelle attività professionali e commerciali il cui fatturato annuo è invece inferiore ai 200 mila euro.