Quando si parte per la vacanza, in tanti preferiscono non portarsi dietro contante, utilizzando solo la propria carta di credito e il bancomat e limitando l'uso delle banconote alle piccole spese. Ma cosa fare se la carta viene persa e non si sa come effettuare il blocco?

La procedura per il blocco di carte di credito e bancomat è molto semplice, ma è fondamentale che venga portata a termine non appena ci si accorge di non avere più la propria carta di credito o il bancomat nel portafoglio. Non è necessario essere vicini fisicamente alla propria banca, perché viene "lockata" tramite telefono.

Per bloccare la propria carta di credito è necessario contattare il numero verde del proprio istituto di credito o del circuito di pagamento a cui la carta appartiene. I numeri sono facilmente reperibili online, ma possono essere differenti nel caso in cui si chiami dall'estero. Se si esce dall'Italia, è sempre meglio partire preparati annotandosi i numeri in questione.

Quando ci si trova a contatto con l'operatore, vanno comunicati i dati relativi alla propria carta: è inoltre importante prendere nota di data ed ora della telefonata e il codice di blocco che viene fornito. Nel caso in cui la carta abbia anche funzione di Bancomat o PagoBancomat, va bloccato anche questo servizio telefonando all'Ufficio Blocchi della SIA al numero 800 822 056.

Dopo il blocco, è molto importante anche sporgere denuncia. Una copia della denuncia va inviata entro due giorni lavorativi dalla telefonata al proprio istituto di credito, in allegato alla raccomandata di conferma della richiesta di blocco della carta.

Nel caso in cui la carta non sia stata persa ma rubata, una volta certificato il furto, va inviato un reclamo scritto, la banca provvederà a rimborsare eventuali cifre spese dal ladro mentre aveva tra le mani la nostra carta. La procedura non è ovviamente immediata, per questo motivo è fondamentale il tempismo nel momento in cui ci si accorge che la nostra carta di credito non è più al sicuro nel portafoglio.