Anche Torino, nell'ambito di una misura sperimentale introdotta dallo Stato, rientra tra le grandi città italiane dove nel rispetto dei requisiti sarà possibile richiedere la nuova Carta Acquisti. Ci riferiamo nello specifico a quella che più comunemente viene definita come social card, che altro non è che una carta prepagata il cui importo caricato vale come forma di aiuto economico alle famiglie numerose e/o a basso reddito.

In accordo con quanto riportato dal sito Internet del Comune di Torino, l'importo della social card, per un periodo pari a dodici mesi, varia da un minimo di 231 euro per una famiglia di due componenti a 404 euro mensili per un nucleo familiare composto di cinque o più persone. Rispetto al passato la nuova social card, con il Bando che a Torino scade il 6 settembre del 2013, non prevede la sola erogazione di un contributo economico mensile per 12 mesi.

La concessione del contributo, finalizzato ad acquistare generi di prima necessità, è infatti subordinata alla messa a punto con i servizi sociali di un progetto finalizzato al miglioramento delle condizioni e del tenore di vita. Per presentare domanda occorre essere residenti a Torino da almeno un anno, ed occorre che in famiglia ci sia almeno un minore.

Devono essere inoltre rispettati opportuni valori di reddito Isee e di patrimonio mobiliare. In ragione delle risorse stanziate, sarà stilata per la concessione degli aiuti economici un'apposita graduatoria tenendo conto di priorità quali, tra l'altro, il numero di anni di residenza e l'eventuale presenza in famiglia di minori disabili. Per presentare domanda occorre rivolgersi alle Acli ed alle sedi dei Sindacati la cui lista è visionabile sul sito Internet del Comune di Torino.