I saldi estivi 2013 sono alle porte, quindi: mano alle carte di credito. Le date ufficiali prevedono, infatti, il loro inizio tra il 6 e il 7 luglio; partiranno prima in Lombardia, Veneto, Toscana, Sardegna e Piemonte per poi proseguire il 7 luglio con i saldi estivi in Campania, Valle D'Aosta, Calabria, Lazio, Puglia, Basilicata, Sicilia, Umbria, Molise, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Marche, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige.

I saldi estivi 2013 proseguiranno per ben 45 giorni, non è quindi necessario rischiare di fare compere affrettate: è sempre bene, piuttosto, se si vuole acquistare il primo giorno di saldi, comprare dai commercianti di fiducia sapendo già il prezzo pre-saldo e avendo quindi la certezza di fare un buon affare.

Nel caso si decidesse di acquistare in negozio dove non si è mai comprato è meglio controllare, magari qualche giorno prima dell'inizio dei saldi, il prezzo esposto per essere certi di comprare un capo/prodotto allo sconto reale che verrà poi indicato sul cartellino.

È sempre bene infatti diffidare dagli sconti troppo altri, quelli oltre il 60% nascondono quasi sempre finti saldi, prezzi prima ritoccati verso l'alto dai commercianti "furbetti" per poi simulare uno sconto maggiore, oppure capi che non appartengono all'ultima collezione.

Gli sconti reali dei saldi estivi 2013, prevedono da un minino del 15% ad un massimo del 50% e devono essere effettuati sui capi/prodotti di "moda" rimasti invenduti.

Si confida che la merce scontata possa dare beneficio ai consumatori, che nei saldi cercano di comprare un bene inavvicinabile a prezzo pieno, e ai commercianti che potranno quanto meno recuperare parte dei guadagni con le vendite di fine stagione.

È bene ricordare che per l'inizio dei saldi estivi 2013 i commercianti devono obbligatoriamente apporre sui loro capi/prodotti un cartellino che indichi: prezzo antecedente al saldo, la percentuale di sconto applicata e il prezzo finale. Conservate sempre lo scontrino anche in tempo i saldi un prodotto "non conforme" può e deve essere cambiato.