Le carte di credito, di debito e ricaricabili convincono sempre più gli italiani, che secondo l'ultima indagine Ipsos/Ispo realizzata per Sisal e intitolata "Scenario evolutivo nei servizi di pagamento: le scelte del consumatore fra canali fisici e digitali" ne fanno un uso sempre maggiore. A influire sulla continua diffusione del metodo di pagamento tramite moneta elettronica è senz'altro anche il web: l'87% dei nostri concittadini giudica molto positivamente la possibilità di pagare tramite carta di credito per la sua grande semplicità, comodità e sicurezza.

L'utilizzo di carte di credito e carte ricaricabili è ormai un'abitudine anche sul suolo italiaco. Come conferma l'ultima ricerca Ipsos/Ispo, infatti, il 65% degli italiani fa uso di una carta (di credito, di debito, ricaricabile o borsellino elettronico): il 34% di questi in maniera frequente, il 31% in maniera saltuaria.

Non c'è dubbio che in questo scenario ha giocato un ruolo anche la famosa riduzione della soglia massima di pagamento in contanti entro i mille euro, soluzione che ha spinto un certo numero di italiani verso la moneta elettronica, italiani che probabilmente continueranno a utilizzarla apprezzandone anche la praticità e la sicurezza.

Questa maggiore propensione all'uso della moneta elettronica premia, inoltre, le aziende che avevano scommesso sulla stessa. L'esempio è quello di Sisal, per conto della quale l'indagine Ipsos/ISPO è stata realizzata. Come si legge nel comunicato stampa dell'azienda, infatti, "10 anni fa i servizi di pagamento non esistevano, 5 anni fa valevano per Sisal "solo" 1 Miliardo di Euro, oggi attraverso il percorso strategico avviato dall'azienda questo business vale circa 6 miliardi di euro".