Il mercato degli smartphone è in continua crescita, tanto che sono stati superati i 700 milioni di esemplari venduti nel 2012. Presto potremo utilizzare il nostro telefonino ad alta tecnologia come una vera e propria carta di credito.

Il successo degli smartphone deriva senza dubbio dall'opportunità che questi apparecchi consentono di integrare tutte le attività quotidiane, che siano lavorative o meno.Un'integrazione che ci consentirà di utilizzarlo addirittura come bancomat. Sono già partite in numerose città d'Italia le sperimentazioni.

Come funzionerà

La tecnologia utilizza un sistema denominato NFC (Comunicazione di prossimità in italiano ndr) e permetterà al telefono (a me piace chiamarlo ancora così…) di comunicare attraverso la connettività wireless un numero sempre più crescente di Pos abilitati a questo tipo di pagamento e consentirà di trasformare il proprio cellulare in un lettore di carta di credito e bancomat.

Basterà avvicinare lo smartphone ad una carta di credito dotata di particolare microchip e si potranno effettuare normalmente le transazioni che nel solo 2012 hanno sfiorato la quota di 900 milioni.

La transazione sarà sicura e si potrà avere riscontro immediato sul pagamento, evitando il continuo utilizzo del contante, e naturalmente ci saranno tutte le "app" che aiuteranno a tenere traccia di tutte le operazioni effettuate, effettuare statistiche di pagamento e molto altro ancora.

Occorrerà, d'altro canto, sconfiggere le naturali ritrosie degli italiani al pagamento attraverso strumenti elettronici, ma gli investimenti che le banche ed i gestori telefonici hanno in programma di fare nei prossimi anni possono forse abbattere questa mentalità.