La carta prepagata è una variante della carta di credito sempre più diffusa tra i consumatori, in particolare tra i più giovani e tra chi effettua acquisti online, poiché permette di caricare solo la quantità di denaro necessaria per un determinato acquisto senza prelevarlo direttamente dal proprio conto.

Per questo motivo, le carte di credito prepagate sono particolarmente diffuse anche per pagamenti di cifre basse: chi non le ha mai utilizzate solo per prenotare un volo, o effettuare un piccolo acquisto online? Anche per pagamenti ridotti, è importante scegliere la prepagata più conveniente.

Grazie al sistema di comparazione SuperMoney, abbiamo verificato quali sono le carte prepagate più convenienti se si spendono al massimo 150 euro al mese, con un limite di utilizzo standard fissato a 1000 euro. Ecco quali sono risultate le cinque carte più vantaggiose, con il costo per ricariche calcolato in relazione alla spesa mensile:

  • La Carta Kalixa di Vincento usa il circuito MasterCard e ha un costo di ricarica annuo di 1,7 euro. Il canone da pagare il primo anno è di 50 euro. Inoltre con una ricarica iniziale minima di 20 euro si può azzerare il costo di emissione;
  • la Carta Jeans di WeBank non prevede canone annuale e ha un costo per ricariche di 24 euro all'anno. Si appoggia al circuito MasterCard;
  • la PostePay Standard di Poste Italiane, la più nota tra le prepagate, si posiziona al terzo gradino del podio. Ha un canone d'attivazione di 5 euro e un costo di ricarica di 25,7 euro all'anno. Usa il circuito Visa Electron;
  • MyCash di BNL ha un costo per ricariche annuo di 30,7 euro, e prevede un canone d'attivazione di 20 euro; si appoggia al circuito MasterCard;
  • Sella Money Ricarica No Cost di Banca Sella si appoggia al circuito Visa e ha un canone annuo di 11 euro. Il costo annuale per ricariche è di 32,7 euro.