Prosegue l'impegno del Governo nel favorire la diffusione della moneta elettronica. Dopo la proposta, rinviata al 2014, di introdurre l'obbligo per gli esercenti di accettare pagamenti con bancomat e carte di credito, il decreto legge Sviluppo estende l'uso della moneta elettronica alle attività professionali.

Anche nella pubblica amministrazione i pagamenti elettronici vengono estesi alle aziende che erogano servizi pubblici nei rapporti con gli utenti. Pa e soggetti gestori dovranno accettare i versamenti anche in modalità telematica, tramite bonifico o carte di credito e di debito. Una novità importante che potrebbe svecchiare il settore amministrativo, snellendo i tempi delle operazioni e garantendo una maggiore trasparenza dei servizi. Il beneficio si estende ovviamente a imprese e cittadini che trarrebbero giovamento dalla semplificazione e dall'accellerazione delle modalità di pagamento e di accesso ai servizi.

Tra le priorità assolute del DL Sviluppo resta, infine, la diffusione dell'e-commerce nel sistema produttivo italiano, un canale di vendita che può rappresentare un fattore di crescita e di internazionalizzazione delle imprese nostrane. E' a tale scopo che è stato introdotto uno sconto fiscale riservato alle medie imprese che sfruttano il web per la vendita dei propri prodotti. Per accedere a queste agevolazioni è necessario che le operazioni di cessione avvengano sui mercati internazionali con transazioni di commercio elettronico e il pagamento relativo alle operazioni venga effettuato tramite denaro di plastica.