Google Wallet, l'applicazione per pagare tramite cellulare, dice addio alle carte prepagate di Google. Inizialmente, infatti, l'applicazione prevedeva la possibilità di associare a questa modalità di pagamento una carta di debito prepagata fornita da Google. L'aggiornamento dell'applicazione, che lo scorso agosto ha guadagnato il supporto dei bancomat e delle principali carte di credito (Visa, American Espress, MasterCard e Discover), ha reso ormai superfluo il ricorso a questo strumento.

Dal prossimo 17 settembre non sarà più possibile aggiungere fondi alla carta prepagata, mentre dal 17 ottobre la carta di pagamento sparirà definitivamente dall'applicazione e non sarà più possibile utilizzarla. Per evitare, dunque, possibile disguidi con gli utenti, Google ha inviato una email a tutti gli utilizzatori di Google Wallet invitandoli a spendere tutto il credito eventualmente disponibile sulla carta prepagata. Tutti coloro che per quella data avranno ancora fondi sulla carta potranno tuttavia richiedere il rimborso di tale cifra tramite una apposita pagina web messa a disposizione da Google.

Nonostante l'importante passo avanti compiuto da Google Wallet, sono ancora molti i problemi da risolvere, primo fra tutti la scarsa distribuzione del sistema di pagamento anche all'interno degli Stati Uniti. Il numero di dispositivi compatibili con Google Wallet è ancora troppo esiguo. Gli unici modelli in grado di supportare l'applicazione sono: il Galaxy Nexus, il Nexus 7, il Galaxy S III, l'HTC Evo 4G, l'LG Viper e l'LG Optimus.