Ci siamo chiesti di recente se sia meglio andare in vacanza portando con sé i contanti o pagando con la carta di credito. Se il vostro viaggio prevede una sosta a Londra per assistere alle ultime gare delle Olimpiadi 2012, sarà meglio avere una carta di credito.

Il vostro rettangolino per i pagamenti elettronici, però, dev'essere targato Visa. Questa è uno dei main sponsor olimpici e, come tale, ha preteso che sparissero tutti gli sportelli bancomat all'interno del Villaggio e dei palazzetti. Tutti i pagamenti devono essere effettuati con carta di credito Visa.

La società ha anche reso noto che in tutto il Parco olimpico ci sono soltanto 8 bancomat, dai quali è possibile prelevare contanti solo con carta di credito. Indovinate di quale circuito? Visa si giustifica affermando che solo in Gran Bretagna conta 115 milioni di clienti, quindi il 98% degli spettatori inglesi non avrà problemi per pagamenti e prelievi.

Che dire degli 11 milioni di stranieri giunti a Londra? Sono tutti clienti Visa anche loro? A giudicare dai commenti sui social network si direbbe di no. Tra le proteste ci sono anche quelle di chi ha preteso il rimborso del biglietto per essere stato avvisato solo dopo l'ingresso al sito olimpico che qualsiasi acquisto avrebbe dovuto passare per una "strisciata" con Visa. Durante la partita di calcio tra Inghilterra ed Emirati Arabi, poi, neanche i possessori di Visa hanno potuto prendere un hot dog o una bottiglietta d'acqua: il nuovo metodo di pagamento via smartphone inaugurato dalla società in occasione delle Olimpiadi è andato in tilt.