Tutti i negozianti e le agenzie di viaggio preoccupati per l'impatto delle nuove norme sulla tracciabilità dei pagamenti sopra i 1.000 euro sul turismo straniero nel nostro Paese possono stare tranquilli. Commercianti al minuto e agenzie di viaggio possono infatti avvalersi di una deroga al limite di 1.000 euro per i pagamenti da parte di turisti stranieri. Questi, al contrario degli italiani, potranno quindi pagare tranquillamente in contanti fino a cifre inferiori a 15.000 euro e non usare obbligatoriamente carte di credito o bancomat per i loro acquisti.

La comunicazione è stata data dall'Agenzia delle entrate con il protocollo n. 89780 del 2 luglio 2012 nell'ambito di un regime agevolato per le operazioni legate al turismo, come tracciato fin dal Decreto "Semplificazioni Fiscali". Nella nota del Fisco si legge: "La deroga al limite di mille euro per i pagamenti in contante prevista dal decreto sulle semplificazioni tributarie (Dl n. 16/2012), interessa cessioni di beni e prestazioni di servizi legate al turismo effettuate da commercianti al minuto e assimilati, agenzie di viaggio e turismo, nei confronti di persone fisiche che non hanno cittadinanza italiana, o di uno dei Paesi dell'Unione Europea, e che sono residenti al di fuori del territorio dello Stato".

Secondo gli aggiornamenti del nuovo modello predisposto da Fisco, commercianti e proprietari di agenzie di viaggio che vogliono usufruire del nuovo regime agevolato, che innalza a 15.000 euro la soglia massima di uso del contante da parte degli stranieri, e che avevano inviato all'Agenzia delle entrare il vecchio schema di comunicazione preventiva, devono ora inviare una nuova "Comunicazione di adesione" entro il 31 luglio 2012. Nel farlo devono indicare le coordinate del conto corrente su cui devono confluire i versamenti e comunicare eventuali variazioni dei dati del conto stesso.