Per molti è ormai tempo di vacanza e se si possiede una carta prepagata Postepay è bene essere a conoscenza di tutte le modalità di ricarica di questa comoda prepagata. Carta Postepay, oltre a essere una carta di pagamento molto conveniente perché non richiede alcun canone annuo né un conto corrente bancario o postale, è molto comoda non solo per i pagamenti, ma anche per le diverse possibilità di ricarica che offre a chi ne è titolare.

Come ricaricare PostePay: le modalità possibili

Vediamo insieme tutti i metodi per ricaricare PostePay, La ricarica Postepay può essere effettuata da Sim Postemobile abilitata, dal sito di Poste Italiane, presso tabaccherie o ricevitorie Sisal convenzionate, presso gli ATM Postamat o presso gli uffici postali.

Come ricaricare PostePay: ricevitorie e tabaccherie

Un buon metodo di ricarica PostePay è quello di recarsi presso la tabaccheria e/o ricevitoria più vicina a casa vostra, dovete individuare una ricevitoria Sisal oppure una delle tante tabaccherie convenzionate con Banca ITB. Sono facili "da trovare" perché di solito espongono un tagliandino apposito proprio all'ingresso del locale.

Come ricaricare PostePay: sportello bancario

La ricarica "più tradizionale" di Carta Postepay è quella che si effettua allo sportello postale: in questo caso basta presentarsi all'ufficio postale più vicino con i soldi contanti o con il Postamat (se si ha un conto corrente Bancoposta) e caricare la Postepay dell'importo desiderato. È prevista una commissione di 1 euro.

Se invece l'ufficio postale è chiuso o lontano ci si può recare presso le tabaccherie e ricevitorie Sisal convenzionate che sono molto diffuse in tutto il Paese e sono aperte per la gran parte della giornata. In questo caso la ricarica può essere effettuata solo in contanti e il costo del servizio prevede una commissione fissa di 2 euro, mentre il limite massimo giornaliero è di 997,99 euro. È possibile anche fare la ricarica da sportelli ATM Postamat con carte di pagamento abilitate ai circuiti Visa, Visa Electron, MasterCard, Maestro(commissione di 3 euro) oppure con Postepay, Postamat Maestro, InpsCard (commissione 1 euro)

Come ricaricare PostePay dal cellulare o tramite carta Postepay

Se però si vuole essere ancora più comodi è possibile ricaricare carta Postepay direttamente dal cellulare o dal sito di Poste Italiane. Nel primo caso è necessario associare la propria SIM Postemobile ad uno strumento BancoPosta o alla carta di credito CartaSi, in questo modo è possibile ricaricare il credito o quello di un altro cliente PosteMobile tramite la voce "Ricarica"della tua SIM. Infine è possibile ricaricare carta Postepay dal sito dal sito di PosteMobile, dal sito delle Poste italiane e dal sito di BancoPosta Click.

Ricaricare la PostePay di un'altra persona

Sì avete capito bene, è possibile ricaricare la PostePay di un'altra persona, in pratica un soggetto che non è il titolare della carta può ricaricarla per conto di un altro.

Coloui che si appresta alla ricarica in questo caso deve necessariamente avere a portata di mano i seguenti documenti del beneficiario:


  • Codice fiscale

  • Carta d'identità

  • Modulo apposito da compilare


Questa tipologia di ricarica la si può fare presso un qualsiasi Ufficio Postale, dunque bisognerà compilare il modulo di ricarica con i propri dati e e quelli del beneficiario, il costo di quest'operazione è pari ad un euro.