Carta di credito Bancoposta Più, innovazione e servizi

-

La carta Bancoposta Più di Poste Italiane offre ai clienti la possibilità di azzerare gli oneri rappresentati dal canone annuo.

immagini

Successo per la carta di credito Bancoposta Più Le carte Bancoposta e Bancoposta Più

Da qualche anno è presente sul mercato la carta di credito Bancoposta Più. Essa si associa all'omologo conto corrente e offre la possibilità al cliente di azzerare totalmente i costi del canone annuo , utilizzando la carta per almeno 4.800 euro ogni anno, domiciliando le utenze e accreditando stipendio o pensione. Normalmente, la spesa di tenuta conto di Conto Bancoposta Più è di 30,99 euro, oltre alla quota per la carta di credito stessa (sempre 30,99 euro).

Tra i servizi previsti dalla carta di credito Bancoposta Più si annoverano: fido personalizzato, in base alla valutazione dell’istituto si può contare su limiti di spesa elaborati ad hoc (a partire da 2.000 euro); doppia modalità di pagamento, è presente una linea di fido a saldo con l'ulteriore possibilità di rateizzare le spese e invio di Sms di controllo delle transazioni.

Inoltre, diventando titolari della Carta di credito Bancoposta Più, si gode di un pacchetto assicurativo gratuito, che garantisce frodi e gli imprevisti dopo i prelievi e gli acquisti con la carta. Poste Italiane prevede, per questo prodotto, l'invio di un estratto conto che evidenzia mensilmente le operazioni a saldo e dei piani rateali. Infine, i clienti possono controllare le loro spese e i loro movimenti anche accedendo all'“Area Clienti Carta BancoPosta Più”, spazio dedicato a tutti i servizi on line.

Per ottenere la carta di credito Bancoposta Più, il titolare del conto corrente dovrà presentare a Poste Italiane una serie di documenti: carta d'identità, codice fiscale, busta paga o modello Unico. Con l'introduzione di questa carta le Poste Italiane sembrano aver fatto un ulteriore passo avanti nel settore bancario. Ricordiamo che dalla nascita di Bancoposta, nel 2000, l'istituto ha risollevato, almeno in parte, i disastrosi bilanci societari.

TAG pagamento carta di credito

Cosa ne pensi? Aggiungi un tuo commento