Spesso si sente dire che le donne giudicano gli uomini dalla loro carta di credito. Da uno studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, pare che gli uomini credano davvero in questo luogo comune; così, per cercare di conquistare le donne a cui sono interessati, fanno uso in maniera più impulsiva della propria carta di credito.

Secondo lo studio del team di Vladas Griskevicius della University of Minnesota's Carlson School of Management, che ha analizzato il modo di comportasi degli uomini nel caso in cui debbano trovare una partner, gli uomini, nel momento in cui le donne a loro disposizione scarseggiano, cercano di essere più competitivi rispetto agli altri maschi della specie. Un po' come avviene tra i maschi di altre specie animali. Nel caso degli esseri umani, si è visto che questa competitività viene misurata a seconda delle proprie possibilità economiche e della propria disponibilità sulla carta di credito.

Gli esperti hanno analizzato il comportamento di un gruppo di uomini impegnati nella conquista di una donna in due condizioni diverse: nel primo caso è stato detto loro che le donne erano in gran numero, nel secondo è stato loro riferito che le donne erano molto meno rispetto agli uomini. Nella seconda situazione si è notato come gli uomini, "spaventati" dalla mancanza di "prede" femminili disponibili, tendano a mostrare la loro superiorità sui rivali utilizzando in modo meno scrupoloso la carta di credito. Dagli studi demografici, inoltre, è possibile notare come gli uomini single nelle città abbiano più carte di credito e tendano a pagare e spendere di più con carta di credito, mentre per le donne la città di residenza e il rapporto con gli uomini non influenza il volume delle spese.

La carta di credito e la disponibilità sul conto corrente, quindi, appaiono gli strumenti con cui gli uomini cercano di dimostrare a livello sociale la propria superiorità e il proprio status economico. Lo studio non dice però se questo utilizzo libero della carta di credito porti poi all'effettiva conquista della "preda" femminile. Alle donne si lascia la possibilità di rispondere e di scegliere.