Questo Natale molti italiani compreranno i regali per parenti e amici nei negozi tradizionali, pochi si fidano ancora di fare acquisti on line. Per pagare i propri acquisti molti consumatori ricorreranno a carte di credito. Secondo un'indagine di Cpp Italia, una filiale della multinazionale inglese specializzata nei servizi di protezione di carte di credito, sarà addirittura il 66% a usare la carta di credito, mentre secondo i dati raccolti da Confcommercio riguardo i regali di Natale, gli italiani che utilizzaranno pagamenti elettronici saranno il 40%, di cui il 20,7% con carta di credito e il restatnte 20% con bancomat. Da queste analisi l'utilizzo dei contanti sembra essere quindi in calo, ma, sempre secondo Confcommercio, li utilizzeranno comunque il 59,2% degli italiani.

Le persone che si recheranno in negozi tradizionali sono in crescita: secondo Confcommercio si è avuto un aumento del 4,8% rispetto al 2010, mentre secondo Cpp Italia saranno l'81% degli italiani. Saranno più gettonati i centri commerciali (62,2% rispetto al 61,8% del 2010), mentre gli acquisti on line continuano a non essere i preferiti (per Confoccercio si è avuto un aumento pari a quello dell'anno scorso +5,6%).

Secondo le informazioni raccolte da Cpp Italia, solo il 4% degli italiani intervistati effettuerà acquisti on line attraverso siti specializzati nell'e-commerce (2%) o su uno dei siti rivolti agli acquisti di gruppo (2%). Il 67% ha però affermato di essere iscritto ad almeno un gruppo di acquisto on line dei più famosi ed entrando nello specifico si viene a sapere che il 19% è iscritto da un anno, il 26% da meno di sei mesi, il 15% da meno di tre mesi e il 7% da meno di un mese, segno che la tendenza a rivolgersi all'e-commerce non è legata nello specifico agli acquisti di Natale.

Secondo i dati di questa indagine la percentuale così bassa di persone che utilizzano pagamenti on line tramite carte di credito è dovuta in particolare alla paura delle frodi sulla rete (20%) e al timore di diffondere i propri dati personali su internet (11%). Un altro motivo è la poca fiducia nella reale convenienza delle proposte su internet (37%). Secondo il sondaggio di Cpp Italia, tra gli italiani quindi emerge un certo disagio nell'utilizzo delle carte di credito per i pagamenti on line: il 56%, non si sente sicuro nel dare i propri dati personali per acquistare beni o servizi, perché diffida dei sistemi informatici, mentre solo il 20% effettua pagamenti con carte di credito con una certa tranquillità, stando comunque sempre attento ai siti in cui fa gli acquisti. L'11% evita di pagare con carta di credito sul web e solo il 28% non utilizza il servizio di sms alert per aver segnalazione di tutte le transazioni che avvengono sul proprio conto direttamente sul proprio telefono.

Per chi volesse acquistare una carta di credito per i suoi acquisti, una buona opzione possono essere le carte prepagate che, non essendo legate a un conto corrente, sono più sicure per tutti i tipi di spesa, soprattutto quelle on line. Il servizio di SuperMoney mette a confronto le offerte per carte di credito, carte prepagate e carte revolving di molte banche, permettendo a ciascuno di trovare quella più adatta alle proprie esigenze