I maniaci dello shopping saranno contenti di sapere che dal 5 gennaio 2012 nella maggior parte delle città italiane inizieranno i saldi invernali. Palermo li anticiperà al 2 gennaio, mentre Roma li attenderà fino al 6 gennaio, anche se non è difficile trovare già degli sconti, in particolare nei negozi di abbigliamento. Questo è "uno degli effetti della crisi" ha confermato Confesercenti. Numerosi consumatori durante gli acquisti natalizi hanno puntato i loro oggetti del desiderio, che non hanno potuto comprare in mancanza di soldi: con i saldi cercheranno di accaparrarseli a prezzi più convenienti. In previsioni di numerosi acquisti, una buona soluzione per evitare i pagamenti in contanti è l'utilizzo della carta di credito.

Per il Codacons gli sconti dovevano essere anticipati a dicembre in quanto gli italiani con le feste sono rimasti con pochi soldi e quindi "la partenza dei saldi invernali a ridosso del termine delle festività natalizie rappresenta un errore fatale che provocherà un enorme danno al settore del commercio, ai negozianti e ai consumatori". L'associazione prevede un andamento negativo per i saldi e una diminuzione generale del 30% per quanto riguarda le vendite nelle grandi città.

La flessione dei consumi natalizi fa però sperare nei saldi per determinate categorie, come abbigliamento e calzature in totale picchiata durante questo periodo di feste.
In un momento di crisi, i consumatori devono stare ancora più attenti alle classiche fregature da saldo, prestando particolare attenzione ai prezzi, diffidando degli sconti superiori al 50%. Il prezzo pieno, la percentuale di sconto e il prezzo in saldo devono essere segnalati chiaramente sul cartellino. In aggiunta i pagamenti con le carte di credito e bancomat devono essere accettati da tutti i negozi che espongono l'adesivo specifico.

Una buona idea per lo shopping da saldi può essere anche l'utilizzo delle carte prepagate, che permettono di effettuare i propri acquisti in maggiore sicurezza, perché hanno la comodità delle carte di credito e, anche in caso di frode, non danno accesso al conto corrente bancario. Senza contare che permettono di porre un limite ben preciso agli acquisti: un metodo infallibile per non farsi cogliere dalla frenesia dei saldi.