Gli italiani utilizzano sempre di più carte di pagamento: sono circa 80 milioni quelle in circolazione in Italia e hanno registrato un aumento dell'8% negli ultimi tre anni. A crescere maggiormente sono le prepagate (+16%) e le carte di credito (+6%). Questi dati sono forniti da una ricerca dell'Associazione delle Banche Italiane in collaborazione con il Consorzio Bancomat, che ha analizzato la situazione fino al 31 dicembre 2010 e ha mostrato come l'abitudine degli italiani a usare carte di pagamento, come carte di credito, bancomat e prepagate, registri una crescita continua negli ultimi anni, con un aumento che nel 2010 è stato del 4%.

In testa alla classifica ci sono le carte prepagate, con un incremento del 16%, seguono poi le carte di credito, con un +6% e, in ultima posizione, si trovano le carte di debito con un aumento solo dell'1%, mentre è in diminuzione l'utilizzo delle revolving (-6%). Andando più nel dettaglio e guardando direttamente nel portafogli degli italiani, le carte di credito sono le carte di pagamento più diffuse con un numero che supera i 36 milioni, mentre le carte Bancomat sono circa 33,3 milioni. Oltre a carte di credito e carte di debito, tra gli italiani si sta sempre più diffondendo l'utilizzo di carte di credito prepagate che hanno superato i 5 milioni, mentre, come abbiamo accennato, è in diminuzione l'uso delle carte revolving che, secondo i dati Abi, sono circa 3 milioni.

La maggior concentrazione di pagamenti avvenuti tramite carte di pagamento è registrata nel Nord del Paese, dove si concentra il 56% delle carte presenti, mentre molto più bassa è la presenza in Centro Italia (24%) e nelle isole (20%). Questa situazione, unita al fatto che anche le carte in circolazione non vengono usate frequentemente, mostra chiaramente il ritardo italiano rispetto a quanto accade nel resto d'Europa: le carte attive nel 2010 sono state infatti solo 54 milioni, contro agli 80 milioni effettivamente presenti nel Paese. Più precisamente, le carte di debito attive sono state 30,6 milioni (il 92%), le carte di credito 17,3 milioni (48%), le prepagate 4,5 milioni (85%) e le revolving 1,5 milioni (46%).

Questi dati mostrano inoltre che la maggior parte degli acquisti viene effettuata tramite carte di debito (54% dei pagamenti), seguiti da carte di credito (41%), prepagate (4%) e, infine, revolving (2%). Se si guarda al numero dei pagamenti e a fini di questi si nota che, se ogni carta fa in media 33 acquisti all'anno, le carte di credito vengono usate maggiormente in occasione di spese per lo shopping. Le carte di credito e le revolvig, inoltre, si utilizzano generalmente per le spese medio-alte (rispettivamente 99 e 84 euro in media), mentre le carte di debito e le prepagate per le spese meno elevate (rispettivamente 70 e 71 euro in media).

Per confrontare le migliori offerte di carte di credito e pagamento più convenienti sul mercato si può far riferimento al servizio di SuperMoney, che permette di comparare in modo veloce e trasparente i prodotti di molte banche e di scegliere la carta di credito e di pagamento più adatta per le esigenze di ciascuno.