Il 2010 ha visto un vero e proprio boom dell'e-commerce: gli acquisti online con carta di credito sono infatti ammontati a 6,2 miliardi di euro, pari a poco più del 9% del totale delle spese, e il commercio elettronico ha registrato una crescita del +7,6%, a differenza dello shopping tradizionale che si è fermato al +2%.

Sono alcuni dei dati diffusi dal primo Osservatorio acquisti lanciato da CartaSi. Stando alla ricerca, in rete sono aumentati sia il numero di acquirenti (+2,3%), che gli importi medi di spesa (+5,1%). A riscuotere il successo maggiore è sempre il comparto viaggi, con un +9,6% e oltre un terzo della spesa totale, seguito dal settore informatico che in un anno è cresciuto del 13,2%. Grazie all'apertura di tanti nuovi negozi virtuali gli acquisti su internet hanno allargato i loro orizzonti, coinvolgendo settori che fino a poco tempo fa erano riservati allo shopping tradizionale: primo fra tutti quello di abbigliamento e calzature, che ha compiuto un balzo del +59,6% (pari comunque ad appena l'1,7% del totale).
Fuori dal mondo virtuale il commercio non è andato altrettanto bene: si è ridotto infatti il numero degli acquirenti (-1,8%), che hanno però aumentato il valore dei propri acquisti (+3,9%), generando una crescita totale della spesa pari al 2% rispetto al 2009. Il 2010 è stato insomma una anno di "crisi stabile", in cui i consumatori hanno privilegiato beni e servizi considerati più necessari (servizi +9,1%, informatica +6,9%, viaggi e trasporti +6,9%, alimentari +1,5%, ma anche servizi medico sanitari, scuole, assicurazioni…), tagliando il superfluo (abbigliamento e calzature -2,3%, alberghi e ristoranti -0,1%).

Dando uno sguardo al primo trimestre 2011, l'Osservatorio Cartasì rileva una lenta ripresa, frenata dalle problematiche che hanno investito lo scenario internazionale nel mese di marzo. Dopo il lieve incremento di febbraio (+1,4% contro il +2,2% che aveva fatto registrare lo stesso mese dell'anno precedente) gli acquisti di marzo (in crescita dell'1,4% contro l'aumento del 5,1% messo a segno a marzo 2009) hanno riguardato quasi soltanto i viaggi di fine inverno (complici il carnevale e il ponte dell'Unità d'Italia). Nella settimana del 13 marzo, infatti, gli acquisti con carta di credito sono cresciuti del 6%, rispetto al lieve rialzo dello 0,9%, per poi frenare nuovamente nella terza settimana (+1,4%) e scendere decisamente nell'ultima settimana del mese con acquisti in calo del 2,7%.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento'.