E' notizia di qualche giorno fa che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa contro una delle più famose compagnie di carte di credito, American Express.

L'accusa? L'azienda starebbe da tempo violando le leggi antitrust. Secondo Il Dipartimento di Giustizia il gruppo newyorkese costringerebbe i commercianti di Manatthan ad accettare tutte le sue carte di credito, independentemente dai loro costi. Da parte sua American Express ha annuciato che si batterà e che smonterà tutte le accuse rivoltegli dal Dipartimento. Secondo Kenneth Chenault, AD di American Express, la società non avrebbe la capacità di forzare i commercianti ad accettare le sue carte di credito. Chenault sostiene che il l'azione intentata dal Governo sia solo un modo per limitare la concorrenza e non per regolamentarla. Parole forti quelle del rappresentante di American Express.

Dopo questo scambio di battute, il Procuratore generale Eric Holder ha convocato una conferenza stampa a Washington per discutere di misure per "rinforzare la legislazione antitrust". Secondo quanto riportato da Bloomberg News, American Express sarebbe stata citata in giudizio. Le azioni Amex in questo momento perdono il 2,44%, Mastercard registra un -0,32% mentre Visa viaggia in territorio positivo (+0,8%). Alla fine, come riporta il Wall Street Journal, Visa e Mastercard hanno patteggiato con il Dipartimento mentre American Express ha deciso di combattere questa battaglia all'ultima carta di credito.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.