Se fai acquisti al supermercato con la carta di credito hai una maggiore probabilità di comprare alimenti poco sani.
È questa la singolare tesi sostenuta da un gruppo di ricercatori americani e pubblicata sul Journal of Consumer Research.

Lo studio, compiuto su un campione di mille americani per un periodo di sei mesi, ha evidenziato che ci sono due fattori legati all'acquisto compulsivo. Il primo è la correlazione tra il cibo-spazzatura e l'impulsività del suo acquisto, mentre il secondo è legato al fatto che i pagamenti in contanti sono psicologicamente più dolorosi di quelli fatti con le carte di credito. Questi alimenti poco sani, sempre secondo la ricerca, non sarebbero stati comprati se il pagamento fosse avvenuto in contanti.

Ma non si tratta dell'unico studio relativo alle abitudini di consumo degli americani. Un'altra indagine sostiene invece che vi sia un legame tra l'obesità e le modalità di pagamento. Secondo alcuni studi dei Centers for Disease Control, il 34 per cento degli americani sono obesi perché acquistano con carte di credito. Per i ricercatori la soluzione sta nell'autocontrollo che può essere facilitato da alcuni comportamenti sempre con il pagamento in contanti.
Ma siamo davvero sicuri che il problema sia una banalissima tessera magnetica?

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.